Frammenti di asteroidi provenienti dallo spazio

In questi giorni abbiamo parlato tantissimo di #Cerere nei nostri appuntamenti online del #planetariodiroma e anche nella tombola dell’innovazione parlando della scoperta di Giuseppe Piazzi dall’osservatorio di Palermo il giorno di capodanno del 1801. L’asteroide più grande della fascia principale del #sistemasolare . In realtà più che un asteroide è stato messo nel novero dei #pianetinani al rango di #Plutone , #Makemake (tanto amato da qualcuno di voi) o #Eris , anche se è collocato nel sistema solare interno. Se lo vedete al fianco della Luna e della Terra ha dimensioni di tutto rispetto, pare infatti che il suo diametro in alcuni punti raggiunga anche i 1000 Km anche se molto più piccolo di altri pianeti nani. Come abbiamo visto durante la nostra caccia alle comete, gli asteroidi sono un groviglio di frammenti rocciosi, ghiaccio e minerali che si tengono insieme e che ogni tanto ci regalano qualche frammentino che cade sulla terra, o come stella cadente se si consuma in quota, o come meteorite se raggiunge il suolo. Anche Cerere è un miscuglio di questi minerali e ghiaccio d’acqua. Lo studio dei minerali che troviamo nei frammenti che raggiungono il suolo terrestre può aiutarci anche a comprenderne l’origine degli stessi. Qualche giorno fa si è data notizia di un’ipotesi di esistenza di un corpo molto più grande di Cerere che ci ha donato un frammento, recuperato nel deserto del Sudan più di una decina di anni fa. Probabilmente un frammento di un oggetto molto più grande, disintegratosi nello spazio. Nel 2008 un asteroide di 4 metri di diametro circa #2008TC3 , è entrato nell’atmosfera terrestre e si è disintegrato in più di 600 piccoli frammenti caduti proprio in quel deserto. Dopo 10 anni di studi proprio la composizione chimica di alcuni minerali idrati, gli #anfiboli , hanno fatto intuire che per la loro formazione era necessaria una pressione e una temperatura elevata che non si sarebbero potuta realizzare in quel piccolo asteroide, e quindi che. 2008TC3 fosse solo un frammento di un corpo celeste molto più grande di dimensioni sicuramente maggiori di Cerere. Come vedete ci sono sempre cose nuove da scoprire anche nel nostro piccolo angolo diUniverso

Dottor Stellarium

Add your Biographical Info and they will appear here.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *