Juno e i misteri dell’atmosfera di Giove

Ormai da più di 4 anni la nostra cara sonda #Juno continua a studiare #Giove raccogliendo tantissimi dati che ci aiutano a comprendere meglio il nostro caro gigante gassoso. Nel fare le sue indagini si avvale molto spesso dell’esperienza del suo predecessore, la sonda #Galileo che nel settembre 2003 dopo aver trascorso 14 anni nello spazio e 8 anni dalle parti di Giove, fu lanciata nell’atmosfera di Giove ad una velocità di circa 50 km/s. Ma i dati che sono arrivati dalla sonda durante la discesa ci hanno mostrato un’atmosfera più densa e calda di quanto ci si aspettasse. Juno sta cercando di indagare anche su questi misteri con i suoi strumenti ultrasofisticati. E spesso ci riporta immagini ed informazioni sorprendenti come quella catturata ai poli che vi ho disegnato oggi. La cosa particolare è che le nuvole alla periferia di alcuni cicloni polari di Giove ruotano in senso antiorario, mentre il nucleo dei cicloni ruota in senso orario. Queste immagini catturate dall’occhio digitale di Juno sono state scattate da circa 28.500 Km di distanza. E se ancora ci si domanda e si sta cercando di interpretare il perché di questi moti, su altri misteri sembra che i suoi studi stiano facendo un po’ di chiarezza.
In effetti studiare questi giganti non è cosa semplicissima perché hanno atmosfere molto profonde senza una base liquida o solida sotto come avviene qui sulla terra, quindi per capire meglio cosa sta accadendo in profondità in uno di questi mondi, è necessario guardare in qualche modo sotto lo strato di nuvole. Il compito di Juno è proprio questo e già ha condotto 29 passaggi ravvicinati di Giove scrutandone attentamente le profondità.
E proprio su quei dati inviati dalla sonda Galileo nel suo tuffo in atmosfera ha cercato di concentrarsi per trovare una spiegazione del perché la sonda ha risposto via radio che i suoi dintorni erano asciutti e ventosi. Si pensò subito che si fosse tuffata in un punto caldo ma i dati di Juno ci dicono che l’intera fascia equatoriale di Giove sia una regione generalmente molto secca. (Per intenderci la regione vicina al naso del mio Giove cartoon) Questi punti caldi potrebbero essere delle finestre su una intera zona calda-secca

Dottor Stellarium

Add your Biographical Info and they will appear here.

Leave a Reply

Your email address will not be published.